#MaydayMayday Chiamata d’emergenza alla Festa dei lavoratori! Shutdown solidale ora! Dobbiamo porre fine alla pandemia!

Ci sono migliaia di ragioni per alzare la voce il primo maggio per una chiusura solidale e un cambio di strategia con l’obiettivo di portare i numeri del Corona vicino allo zero il più presto possibile: Che tu sia un’infermiera in un’unità di terapia intensiva sovraffollata, un addetto alle pulizie, un lavoratore di call center, un operaio di una fabbrica di automobili, un educatore o un addetto alle consegne di cibo, solidarietà significa combattere la pandemia per tutti noi. Il 1° maggio, usa gli hashtag #MaydayMayday e #ZeroCovid sui social media per mostrare perché hai bisogno di una chiusura in solidarietà – e se puoi, porta la tua protesta nelle strade con i nostri gruppi locali e i sindacati (la lista delle azioni di proteste la trovi sotto)!

Un nuovo studio dimostra che, laddove c´é molta industria, i numeri sono molto alti. I responsabili, dall’industria al settore pubblico, non lasciano andare a casa le persone con sintomi. Dopo tutto, è “solo un raffreddore”.

Le misure di sicurezza non vengono attuate.Migranti e rifugiati in particolare lavorano in occupazioni legate all’assistenza con un rischio maggiore di COVID – dalle pulizie e la cura degli anziani alla consegna della posta e del cibo.  I supervisori spesso rifiutano di cambiare l’assegnazione dei pazienti ad alto rischio per proteggerli. Molte persone con disabilità hanno perso del tutto il loro lavoro o hanno un orario ridotto senza compensazione.

Molte lettere che ci sono giunte testimoniano queste condizioni:

Lavoro come infermiera/e, in una struttura dove ci sono alcuni pazienti infetti. A causa della mia malattia, appartengo al gruppo a rischio e tuttavia sono assegnato/a al reparto di quarantena. Chi si preoccupa della salute del personale infermieristico e chi ci aiuta quando non possiamo più?

Lavoro in un asilo e mi prendo cura del mio compagno malato a casa. Sono molto preoccupato di portare Corona attraverso il mio lavoro. Anche con un’incidenza molto alta, l’assistenza d’emergenza era costantemente piena quasi quanto l’assistenza regolare.

Lavoro per una grande catena di supermercati come addetto alle consegne di cibo. Le aziende ci chiedono di consegnare il loro cibo nelle sale comuni o nelle cucine. Spesso ci sono già troppi impiegati seduti insieme in stanze non ventilate e troppo piccole. Più del 90% dei clienti non indossano una maschera quando porto loro il cibo.

Mettiamo in chiaro alla giornata del movimento dei lavoratori: non continueremo a funzionare incondizionatamente. Solidarietà significa combattere la pandemia. Non c’è lotta praticabile per gli interessi dei lavoratori se non si mette al primo posto la lotta per porre fine alla pandemia. Più alto è il numero di casi, più limitato è l’impatto delle misure di salute e sicurezza. Più lungo è il lockdown più incerto è il nostro futuro sostentamento. Con un polmone danneggiato, con mesi di lunghi effetti tardivi da COVID e neurologici o addirittura morto, anche un salario più alto non ci porta molto. Combattiamo lo shutdown in solidarietà! I vaccini e i test da soli non ci salveranno! Sopprimiamo il virus con una strategia basata sulla scienza e salviamo delle vite! La fine della pandemia è possibile!

Potremmo non avere account sui social media con centinaia di migliaia di seguaci come certi attori e attrici – ma se ti unisci a noi, saremo in migliaia e potremo conquistare l’attenzione dei media il 1° maggio! → Il Primo Maggio, usa gli hashtag #MaydayMayday e #ZeroCovid su tutti i canali dei social media per mostrare perché hai bisogno di uno shutdown in solidarietà!

Potrebbe essere simile a questo:

#MaydayMayday Sono un parrucchiere. Non sono rari i clienti con la maschera sull’orecchio e il gala in mano. Questo è stato giustificato con l’affermazione che siamo fornitori di servizi, quindi “non si può essere così”. Chiusura solidale ora! #ZeroCovid

#MaydayMayday Lavoro alla fabbrica della Volkswagen nella fonderia. Il turno ha avuto più di 70 casi di Corona nelle ultime settimane. I colleghi non si sentono bene e chiedono un test. Supervisore: “Oh, è solo un raffreddore”.  Chiusura solidale ora! #ZeroCovid

Siate creativi – con foto, video, chiamate di emergenza! Sentitevi liberi di inviarci la vostra dichiarazione, se volete che la pubblichiamo in forma anonima!E tutti coloro per i quali è possibile: → Portate la nostra protesta nelle strade! A Francoforte, Monaco, Berlino e Vienna sono previste proteste #MaydayMayday, in parte insieme ai sindacati. Sii presente! Schieratevi per una strategia zero-covid! Giusto in tempo per il 1° maggio, sarà pubblicata la seconda edizione del nostro giornale, che vogliamo distribuire!

Berlin11 Uhr, Hackescher Markt: „Gewerkschaften in die Offensive“
17 Uhr, Hermannplatz: „Revolutionärer 1. Mai – Enteignungsblock“
Düsseldorf10:30 Uhr, DGB-Haus, Friedrich-Ebert-Str. 34–38: Demozug zum Rheinufer
Essen30. April, 17 Uhr, Kundgebung am Rathaus-Platz
Frankfurt am Main10:30 Uhr, DGB-Demontration. Ort: tba
Hamburg14 Uhr, Kundgebung am Dammtor
Köln17 Uhr, Wiener Platz, Demonstration „Für eine Zukunft ohne Krisen“
München10 Uhr, DGB-Haus, Schwanthalerstr. 64, Demonstration zum Königsplatz.
Wandzeitungen zu Covid am Arbeitsplatz
Siegen9 Uhr, Kornmarkt, von dort zur DGB Demonstration an der Siegbrücke, Bahnhofstraße
Siegen11:15 Uhr, Infostand Bahnhofstraße höhe Engelsapotheke
Wien12:00, Ottakring: Demonstration „MAYDAY – Wien“
Skip to content